American National Standards Institute Inc.

Un gruppo conservatore ha utilizzato i giovani per eludere i social

gruppo conservatore elude facebook e twitter

Il gruppo conservatore in questione Turning Point Action.

Le elezioni americane si stanno avvicinando e ognuno è disposto a fare di tutto pur di far vincere il proprio partito. Un gruppo conservatore, si dice, avrebbe utilizzato dei giovani ragazzi per fare eco a Trump che disprezza le schede per posta, pubblicando affermazioni errate sulla frode elettorale.

Secondo quanto riportato dal Post, questi ragazzi avrebbero usato un tono di voce freddo e distaccato come quello che viene usato dai bot.

Questo attivismo da parte dei ragazzi è stato definito come una grande fattoria di troll (scherzi). Ma quanto afferma il gruppo conservatore, Turning Point Actione, è alquanto diverso.

Per loro è sbagliato definirli in quel modo, in quanto il gruppo di ragazzi, residenti a Phoenix, è tutt’altro. Turning Point Action definisce questa cosa come “un attivismo politico sincero condotto da persone reali che hanno con passione le credenze che descrivono online, non una fattoria anonima di troll in Russia”.

Com’è questo gruppo ha eluso facebook e twitter?

Il gruppo conservatore si è messo d’accordo prima di far pubblicare alle persone partecipanti quanto esplicitato sui social media. I giovani hanno partecipato con il proprio account eludendo così facebook.


Leggi anche: Trump blocca tutti i pagamenti di WeChat


Grazie a questa strategia e alla modifica delle frasi per renderle un po’ più naturali (in linguaggio umano), questo gruppo è riuscito a eludere il social blu.

Questo comportamento però non è stato autentico da parte di Turning Point Action, perciò Facebook dovrà studiare nuove metodologie se non vuole ritrovarsi nuovamente nei casini come fu per Cambridge Analytica.

Fonte

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Antonio Furioso

Antonio Furioso

Fondatore di Neuragate. Credo molto in quello che le immagini possono comunicare, per questo sono fortemente attratto dalla Computer Vision. Mi piace tutto quello che è nuovo. La curiosità è quella che mi spinge oltre le aspettative e a fare sempre di più.