machine learning quantico

Il Machine learning quantico non è più un sogno

Il KAIST (Korea Advanced Institute of Science and Technology) ha trovato un modo per introdurre classificatori quantici nei kernel per il machine-learning quantico.

Questo apre numerose opportunità nell’organizzazione dati, trovando pattern validi per ordinare anche le informazioni non lineari.

A collaborare con il KAIST, troviamo l’università sudafricana UKZN e il Data Cybernetics in Germania.

Machine learning quantico o non quantico?

Machine learning quantico vs machine learnig tradizionale
Ecco un’ infografica che mette a confronto il ML tradizionale con quello quantico

Il machine learning tradizionale consiste, in parole povere, in un algoritmo che dato un input, trova il modo più efficiente per raggiungere l’output desiderato.

Questo è possibile perché il l’algoritmo di machine learning viene allenato su una serie di dati per risolvere un problema specifico.

Nel machine learning quantico, le conoscenze della meccanica quantistica incontrano quelle del machine learning.

La potenza, velocità ed affidabilità dei modelli usati per produrre gli output è nettamente superiore a quelli tradizionali.

Questa tecnologia non è per tutti

E’ ormai risaputo che i computer quantistici consumano tantissima energia e hanno bisogno di dissipatori molto potenti, ma non sono molto distanti dalla realtà.

Colossi come Google, IBM, Amazon e Microsoft mettono a disposizione servizi o piccoli computer quantistici.

Un computer quantistico differisce da un PC tradizionale perchè non pensa in modo binario, ma contemporaneamente sia in 0 che in 1. (clicca qui per saperne di più)

Il cuore della ricerca

Dove sta l’innovazione in questa ricerca? Dopotutto una tecnologia ha senso svilupparla se è possibile applicarla.

La tecnica di quantum forking, permette che i dati di allenamento etichettati e i dati di test siano codificati in modo indipendente in qubit separati.

Proprio come una forchetta, lavorano in parallelo sullo stesso dato.

Il professore Francesco Petruccione ha affermato che questa scoperta è un chiaro segnale dell’avanzamento del campo.

La tecnologia è stata testata sul computer quantistico da 5 qubit di IBM.

Computer quantistico
Ecco una foto del computer quantistico di IBM
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram