chrome

Chrome consuma troppa RAM: in arrivo l’update

Quasi tutti noi usiamo Google Chrome come browser predefinito, questo perché è semplice e abbastanza veloce. Però a quanto pare molti riscontrano il problema dell’eccessiva richiesta di RAM e quindi il rallentamento del PC non appena aprono varie schede.


La RAM, o Random Access Memory è una memoria ad accesso casuale e il suo scopo è quello di immagazzinare le informazioni solo in maniera temporanea (più gigabyte di RAM = possibilità di avere più programmi aperti senza rallentamenti).


Microsoft sembra aver trovato la soluzione più adatta al problema dopo la sperimentazione interna con ottimi risultati grazie all’utilizzo del browser Edge basato su Chromium.

Chrome per Windows 10 sarà più leggero

chrome

Microsoft promette quasi il 30% in meno di memoria in uso dal software. 

Leggiti anche: Google sta per lanciare il successore del Chromecast

L’impatto negativo sulle prestazioni di sistema si riduce con l’uso del memory management Segment Heap, implementato dallo sviluppatore per l’ottimizzazione mirata della RAM.

Per chi usa Chrome su Windows 10 si conferma la possibilità di gestire le proprie schede multiple anche per configurazioni di sistema con 8 GB di memoria RAM.

Secondo voi perché la società america, fondata da Bill Gates, è interessata ad ottimizzare le prestazioni del web della concorrenza?

Fonte

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ci teniamo a comprendere le esigenze dei nostri utenti, per questo di chiediamo di aiutarci compilando il questionario che abbiamo sviluppato. Clicca sul pulsante “Partecipa”, ci vorranno meno di 2 minuti. Grazie!