orecchio bionico

Orecchio Bionico in 3D: primo intervento riuscito a Reggio Emilia

A Reggio Emilia, per la prima volta è stata eseguita un’operazione ospedaliera impiantando un “orecchio bionico” su misura del paziente.

E’ stato grazie alla tecnologia 3D che quest’operazione con un supporto tecnologico elevato è stata portata a buon fine.


La bionica è la scienza che studia la struttura e imita le funzioni biologiche (come l’udito, la vista …) grazie alla tecnologia.
Quindi un occhio bionico è un sistema che imita le funzionalità dell’occhio umano permettendo di vedere, e un orecchio bionico invece permette di ascoltare.


Chi è il paziente

Ad aver riacquistato l’udito grazie a un orecchio bionico è stato un sessantenne che soffriva di ipocausia (una diminuzione della capacità uditiva conseguente a un danno di una o più parti delsistema uditivo).

L’operazione è stata effettuata a Castelnovo Monti, in Reggio Emilia dall’audiologo Giovanni Bianchin.

La chirurgia e l’orecchio artificiale

L’impianto cocleare (orecchio artificiale) chiamato anche “orecchio bionico” è da svariato tempo una scelta chirurgica adatta per sconfiggere la sordità dei bambini piccoli.

orecchio bionico

C’è da dire che l’intervento effettuato recentemente in Reggio Emilia è del tutto innovativo grazie all’analisi radiologica e alle ricostruzioni tridimensionali dell’orecchio interno. Tutto è andato a buon fine.


La radiologia medica è la branca della medicina che si occupa della produzione e dell’interpretazione a fini diagnostici o terapeutici di immagini radiologiche. 


Tutti noi siamo sicuramente felici che il progresso tecnologico sta permettendo e permetterà alle persone una vita più agiata.

Fonte

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ci teniamo a comprendere le esigenze dei nostri utenti, per questo di chiediamo di aiutarci compilando il questionario che abbiamo sviluppato. Clicca sul pulsante “Partecipa”, ci vorranno meno di 2 minuti. Grazie!