Tesla ama il Burger King

Tesla Burger King

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Forse per le patatine o perché ha un bel logo, è per questo che Tesla ama il Burger King?

Le Tesla sono diventate famose per essere sempre all’avanguardia, ma come può il logo di Burger King fermare una Tesla?

Prima di iniziare ti consigliamo di recuperare questo articolo per scoprire come funziona l’IA che comanda Tesla.

Perchè Tesla si ferma davanti ai Burger King?

Sappiamo che il brand di Elon Musk è sempre un passo avanti alla concorrenza, ma per un periodo c’è stato un “bug” decisamente interessante.

Le auto elettriche scambiavano il celebre logo del fast food per un segnale di stop, si trattava di un errore nell’algoritmo di IA dietro l’autopilota.

Come funziona la guida autonoma

Gli algoritmi di guida autonoma si differenziano in 5 livelli, in base alla profondità dell’automazione:

  • Guida Assistita: l’auto regola autonomamente la distanza di sicurezza e inchioda in caso di pericolo imminente.
  • Automazione Parziale: il pilota ha ancora il controllo del veicolo, ma può essere assistito in caso di traffico, rallentamenti e l’auto controlla parzialmente lo sterzo.
  • Automazione Condizionata: il pilota delega la responsabilità di guida nei tratti di strada più semplici e rettilinei, come l’autostrada.
  • Alta Automazione: è obbligatorio un pilota, ma non è richiesto essere vigili sulla strada, tanto che l’automazione arriva addirittura in tratti urbani complessi.
  • Completa Automazione: si tratta di una vera self-driving car dove non è richiesta la presenza di un pilota.

Come funziona la guida autonoma di Tesla

Tesla monta un radar frontale che può prevenire oggetti anche nella nebbia e a 160 metri, oltre a 8 telecamere a supporto e un Gps.

Tutte queste telecamere hanno angoli di visuali diversi per supportare le reti neurali e l’ algoritmo di IA che permette la guida autonoma di Tesla.

La compagnia di Elon Musk ha composto 48 reti neurali che lavorano in sinergia, raccogliendo oltre 2000 informazioni al secondo.

Come si è risolto il piccolo “bug”?

Tutto è bene ciò che si risolve con una patch stabile e una campagna di marketing che non vedremo per molto tempo.

Le auto intelligenti sono abbastanza intelligenti da frenare per un Whooper.

Questo è lo slogan che il colosso americano del fast food ha usato per sfruttare il bug di Tesla, non è geniale?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Valerio Cattedra

Valerio Cattedra

Ciao! Il mio nome è Valerio e sono un inguaribile curioso. Nella vita mi sono sempre dedicato a conoscere, per questo la mia più grande passione è scoprire nuovi luoghi e nuove tecnologie. Il mio obiettivo? Far conoscere questo stile di vita proprio a te.

Articoli consigliati


Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedback
Vedi tutti i commenti
Neuragate