L’Intelligenza Artificiale ha realizzato il trailer del film “Morgan”

intelligenza-artificiale-morgan-trailer

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

L’Intelligenza Artificiale ha aiutato il team di 20th Century Fox e IBM a realizzare il trailer del film “Morgan” in solo 24 ore, rispetto alla media di 20 giorni necessari. Come? Let’s see!

Un film per essere pensato, scritto, girato, editato e via dicendo richiede davvero un sacco di lavoro, e il mezzo per invitare il pubblico a vederlo è il trailer: un video di un paio di minuti che raccoglie i momenti più avvincenti del film e fa comprendere a chi sta guardando il trailer se il film è di suo interesse o meno.

Quanto ci vuole normalmente per realizzare un trailer

I dati ci dicono che la realizzazione di un trailer (capire quali scene, quali canzoni e quali ambientazioni scegliere) abbraccia un periodo di tempo dai 10 ai 30 giorni.

E’ sicuramente un periodo di tempo molto lungo, anche perché è del tutto manuale e richiede un confronto tra varie persone con punti di vista e opinioni differenti: l’Intelligenza Artificiale ha permesso di realizzare un trailer efficace in un solo giorno circa.

“Morgan” di cosa parla il film?

Il film è uscito nel 2016 ed è stato distribuito dalla 20th Century Fox (quelli che hanno fatto L’Era Glaciale).

E’ un genere horror e la trama parla di un essere umano artificiale che finisce per imparare e svilupparsi troppo velocemente e si scaglia contro i ricercatori che l’hanno tenuta in cattività, creando un dilemma morale. 

Ecco il trailer:

Tutto molto bello ma, come ha fatto l’IA a realizzare il trailer? Ha fatto tutto da sola?

Ecco come l’IA ha realizzato il trailer

Come ci dice l’articolo ufficiale di IBM (IBM è l’azienda leader nel settore informatico e si occupa di realizzare computer, supercomputer e altro) che parla di ciò, la 20th Century Fox ha collaborato con IBM per sviluppare il primo “trailer di film cognitivo”.

Essendo “Morgan” un film horror, è di per sé molto soggettivo e ognuno di noi può provare emozioni diverse in base ad immagini e scenari diversi: ed è qui che entra in gioco il potenziale dell’Intelligenza Artificiale.

Cosa dovrebbe fare l’IA

intelligenza-artificiale-morgan

Quello che l’IA ha il compito di fare è analizzare le emozioni che suscitano i già presenti film horror e comprendere la relazione che c’è tra la scena presentata e l’emozione che si è provata.

Per fare ciò, il team di ricerca ha addestrato un sistema sui trailer di 100 film horror segmentando ogni scena dai trailer.

Il sistema IA ha quindi effettuato varie analisi:

  • Analisi visiva (persone, oggetti, ambientazione) – ogni scena è stata contrassegnata con un’emozione proveniente da un ampio database
  • Un’analisi audio (suoni ambientali, sottofondo musicale, tono di voce del personaggio) – così da capire quali sentimenti si provano a un determinato suono
  • Analisi della composizione di ciascuna scena (illuminazione, inquadratura) – con l’obiettivo di classificare i tipi di luoghi e inquadrature che compongono i trailer di film horror

Forse ti può interessare: Cos’è il Machine Learning?


I risultati del processo effettuato dall’IA

Dopo che il sistema ha appreso come funzionano i trailer di film horror in base ad alcuni spezzoni di film, è l’ora del test sul lungometraggio “Morgan”.

Il sistema ha “guardato” il film e identificato 10 momenti che sarebbero stati i migliori da presentare in un trailer: così da “colpire emotivamente” lo spettatore e convincerlo magari a guardare il film.

L’editing del trailer

Quindi l’IA ha scelto i momenti migliori e il team di montaggio video non ha fatto nient’altro che svolgere la parte manuale, ovvero quella della realizzazione del trailer tramite software di editing: però il grosso del lavoro è stato fatto da una macchina.

Ridurre il tempo di un processo da settimane a ore: questo è il vero potere dell’IA”
La combinazione di intelligenza artificiale e competenza umana è potente […] e siamo entusiasti di spingere le possibilità di come l’AI possa aumentare le competenze e la creatività degli individui”

Articolo originale IBM

Fonte


Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Matteo Leva

Matteo Leva

Ciao

Articoli consigliati


Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedback
Vedi tutti i commenti
Neuragate