Jack Ma

Jack Ma: il retroscena del fondatore di Alibaba Group

Cari lettori, ho deciso di inaugurare la mia rubrica sugli uomini d’affari e sui filantropi parlando, in questi duri tempi da COVID-19 di Jack Ma, uomo d’affari cinese, filantropo ed uno tra gli uomini più ricchi del mondo.

Sveliamo il background di Jack Ma, uomo tra i più ricchi del mondo, e scopriamo il suo cammino verso il successo

Perché ho deciso di parlare di Jack Ma, in questo periodo piuttosto che un di un’altra figura importante? Perché Jack Ma è il fondatore di Alibaba Group, società al capo del famoso sito di e-commerce AliExpress ma non solo; è salito alla cronaca per aver donato 1 milione di mascherine al nostro paese per combattere l’emergenza sanitaria dovuta dalla pandemia da Corona Virus.

Ma anche per aver sviluppato, grazie al suo team di ingegneri, una IA capace di diagnosticare il nuovo virus SARS-CoV-2 in ben 20 secondi, un tempo davvero da record, visti i tempi per l’analisi di un tampone.

Ma chi è sopratutto questo uomo d’affari e benefattore?

Classe ’64, età 55 anni, nato ad Hangzhou è stato il primo imprenditore di Cina ad apparire sulla rivista statunitense Forbes direttamente in copertina ed è uno tra gli uomini più ricchi del globo con un patrimonio personale stimato di circa 30,9 miliardi di dollari.

E’ il primo imprenditore nel settore dell’e-commerce in Cina. Ma le sue origini sono molto umili. Si appassionò alla lingua inglese, ed imparò bene quest’ultima facendo da guida turistica a Hangzhou all’età di 12 anni (come da intervista rilasciata alla “Inc.com”) a turisti di madre lingua inglese.

Ebbe il modo di far amicizia nel 1979 con una famiglia australiana, la quale senti per via epistolare successivamente la partenza di questa dalla città di Jack; nel 1985 ebbe l’occasione di uscire dalla Cina, passando le vacanze estive con tale famiglia.

Tentò ben due volte i test per entrare ed iscriversi alla Hangzhou Teacher’s Institute e riuscì successivamente a diventare insegnante d’inglese nel 1988. Durante la sua carriera accademica e scolastica fu presidente dell’unione studentesca e successivamente fu presidente della federazione studentesca di Hangzhou. Solo nel 2020 però viene rivelata la sua iscrizione al Partito Comunista Cinese.

Inizio di carriera ed ascesa al successo di Jack Ma

Praticò la professione d’insegnante d’inglese per 100-120 Yuan al mese. Nel 1995 ebbe l’occasione per andare a far da interprete in una delegazione commerciale a Seattle; qui conobbe per la prima volta la bellezza e la potenza del nuovo strumento internet e ne rimase meravigliato.

Ne rimase talmente meravigliato da quello strumento che decise di chiedere un prestito di ben 2.000 dollari per gestire un sito sulla Cina (China Yellowpages) assieme ad alcuni amici; nonostante la sua totale inesperienza nel campo.

Jack Ma

Raccolta esperienza con altrettante compagnie, decise di chiedere un ulteriore prestito di ben 60.000 dollari statunitensi nel 1998; per aprire insieme a 18 amici Alibaba.com, quello che sarebbe diventato successivamente l’attuale Alibaba Group.

Dal 1999 al 2000 raccolse Alibaba.com, un totale di ben 25 milioni di dollari da alcuni istituti bancari come SoftBank, Goldman Sachs, Fidelity Investments; ed altri istituti di credito e raggiunse la redditività nel 2001.

Società nate da Alibaba.com successivamente e l’istituzione dell’Alibaba Group

Nel Maggio del 2003, viene fondato quello che sarebbe stato il primissimo sito e-commerce della compagnia: Taobao. Nel dicembre del 2004 fu sviluppato ed implementato su Taobao; un nuovo metodo di pagamento, chiamato AliPay che divenne anch’essa una società indipendente facente parte del gruppo.

Successivamente nel 2005, Alibaba Group acquisì il controllo di Yahoo! China come primo passo per una collaborazione con Yahoo!; nel 2006 partecipò ad un corso di formazione commerciale intitolato “China CEO Program” della Cheung Kong Graduate School of Business; per acquisire una formazione amministrativa e commerciale di alto livello ed essere esposto al clima imprenditoriale internazionale.

Nel 2010, nasce il sito e-commerce che tutti appellano come “l’Amazon cinese” per la sua somiglianza al noto sito di e-commerce, ovvero AliExpress. Quest’ultimo sancisce anche in occidente la supremazia della vendita dei prodotti provenienti dalla Cina che ha ispirato altri siti e-commerce come ad esempio Wish.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram