inquinamento elettromagnetico

Inquinamento elettromagnetico fa davvero male?

Inquinamento elettromagnetico, forse avrai sentito questa parola o 0 o altre poche volte nella tua vita.

Cos’è l’inquinamento elettromagnetico?

Inquinamento elettromagnetico, anche detto elettrosmog, è una forma di inquinamento ambientale. Questo termine è più comunemente chiamato, dall’uomo in generale, “radiazioni”.

Noi viviamo ogni giorno tra le radiazioni elettromagnetiche.

Pensa un po’.

Appena ti alzi, qual è la prima cosa che fai? Forse come la maggior parte delle persone accendi il tuo smartphone, che hai utilizzato come sveglia.

Poi??? Mentre porti il tuo cellulare in tasca, magari stai vicino ad un computer, stampanti, forni, microondi ecc. 

Insomma, non so come vivi le tue giornate però è probabile che tu passa un bel po’ di tempo vicino a questi oggetti.

Le radiazioni, quindi, come potrai ben capire, trasportano informazioni ed energia. Per questo le abbiamo ogni giorno nell’aria. Anche se non ci convivi (il ché mi sembra difficile visto che stai leggendo questo articolo).

Rispondiamo alla domanda che è presente nel titolo:

L’inquinamento elettromagnetico fa davvero male?

Beh dipende dal tipo di inquinamento al quale si viene esposti.

E’ ovvio che se si viene esposti a delle radiazioni molto elevate e molto spesso, queste possono causare la morte, tramite malattie come il cancro.

Ma prendiamo il caso di quello che abbiamo vicino ogni giorno, il cellulare. Non è stata attestata nessuna correlazione tra uso del cellulare e malattie come tumori.

Ci sono ancora molti studi ed esperimenti che stanno tuttora facendo molti degli istituti che si occupano di questo tipo di malattie.

Quindi è affidabile tenere lo smartphone sempre in tasca o vicino alla testa quando si dorme?

Leggi anche: Avremo ancora bisogno degli smartphone, in futuro?

Beh, io non sto dicendo questo. Io sono contro al tenere lo smartphone o altri apparecchi come router vicino alla testa, soprattutto dei più piccoli. Anche se non dovesse esistere un collegamento, tra malattie che potremmo avere e oggetti che emanano radiazioni, è meglio stare il più attenti possibili.

Certo questo non significa che devi essere pignolo e farti venire l’ansia quando sei vicino a tali dispositivi.

Per questo motivo vorrei darti dei consigli su come tu stesso puoi difenderti, senza starci a pensare 24 ore.

Consigli su come prevenire le radiazioni: inquinamento elettromagnetico

Come ti ho detto prima, oggi subiamo radiazioni in qualsiasi luogo ci troviamo, ma questo accade più spesso in luoghi chiusi come la propria casa.

Tutti quanti (credo), in casa abbiamo molti apparecchi elettronici: smartphone, frigorifero, microonde, modem, asciugatrice, asciugacapelli ecc.

Consiglio n. 1

In casa, è molto utile stare lontani da apparecchi elettronici soprattutto quando, quest’ultimi, sono in funzione.

Consiglio n. 2

In casa, come quando sei fuori. Tieni sempre spento tutto quello che non ti serve. Wi-Fi, Rete Dati (4G/5G), bluetooth, è meglio tenerli spenti quando abbiamo il nostro smartphone in tasca.

Consiglio n. 3

Sempre in casa spegni il modem e tutto quello che non ti serve.

Conclusioni

Ripeto, non c’è nessuna correlazione tra l’esposizione di radiazioni di basso livello e tumori. Certo, questo potrebbero influire, ma non c’è nessun dato scientifico che lo attesti. Se non si vogliono correre troppi rischi, allora è meglio applicare questi consigli che ho citato sopra.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ci teniamo a comprendere le esigenze dei nostri utenti, per questo di chiediamo di aiutarci compilando il questionario che abbiamo sviluppato. Clicca sul pulsante “Partecipa”, ci vorranno meno di 2 minuti. Grazie!