differenze tra IA, machine learning e Big Data

Differenze tra IA, machine learning e Big Data

IA, machine learning e Big Data, oggi vedremo nel dettaglio tre aspetti che caratterizzeranno il futuro dell’ informatica nel prossimo decennio. Nel nostro blog abbiamo già parlato di questo argomento ed ecco alcuni link per informarvi ancora di più

Differenze tra IA e machine learning

spesso sentiamo questi due nomi usati come sinonimi, ma non è così, infatti un’IA replica ragionamenti tipici della mente umana, mentre il machine learning è solamente un modo di raggiungere l’IA. Quando parliamo di machine learning parliamo anche del dataset impiegato per “allenare” l’ IA.

Allenamento e Sviluppo di un’ IA

Nessuno nasce imparato e anche l’ IA nasce senza conoscenze, infatti una volta che gli impartiamo delle conoscenze (sotto forma di dati), deve esercitarsi ad usarli.

Questo processo è essenziale ed è da qui che si traccia un solco che distingue e rende unica la programmazione classica da quella di un’IA. Se prima dovevamo scrivere la funzione per ottenere un risultato, ora, nel codice, dobbiamo scrivere il risultato che vogliamo e la funzione la troverà l’ IA tramite il machine learning e sfruttando i dataset (Big Data)

Quando l’ IA si allena, trova il modello matematico che si adatta al risultato e più si allena, più il modello matematico viene perfezionato fino a raggiungere il risultato nel modo più veloce e semplice.

Come fa l’ IA ad essere intelligente?

Quando l’ IA si allena, apprende e si evolve, durante il processo potrebbe imparare cose non inserite nel dataset che potrebbero rendere l’ algoritmo risolutivo più veloce, insomma non si finisce mai di imparare! Per i più curiosi vi lascio un caso studio molto interessante.

Big Data

Quanto sono “Grandi”? A cosa servono? Quali sono le differenze con un database?

I Big Data quantificano un fenomeno nel dettaglio e devono essere grandi il giusto per permettere di iniziare a lavorarci (le dimensioni vsariano in base alle esigenze). I Big Data NON sono database, i primi usano la statistica e comprendono un’ estensione dei dati, in termine di Volume, Varietà e Velocità di calcolo, imparagonabile rispetto alle informazioni raccolte in un database, decisamente più lenti, ma più accurati nei risultati.

Volete conoscere l’ impego dei Big Data? Ecco un documentario che vi lascerà a bocca aperta e se volete studiare scienza dei dati ecco il libro che sto usando.

BUONO STUDIO E BUON NATALE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram