Google Stadia: il futuro del cloud gaming

Google Stadia è il servizio di cloud gaming, presentata il 19 Marzo 2019 e si pone sul mercato con la promessa di permettere un’ esperienza di gaming ottimale anche senza hardware potenti.

L’ annuncio generò un grandissimo hype e delle aspettative altissime, ma ora che il servizio è disponibile possiamo dire se Google ha mantenuto le sue promesse.

Le promesse di Google Stadia

Tutta la potenza hardware di Stadia è nei data center di Google, quindi al giocatore serve “solo” un controller e uno schermo.

La promessa è quella di permettere il gioco di titoli anche molto pesanti via streaming anche su hardware poco potenti uno smartphone o un tablet. Il servizio dovrebbe garantire fino a 4K e 60fps, a patto di disporre di una connessione a internet con almeno 35 Mbps in download o anche di 20 Mbps per il 1080p.

Trattandosi di un servizio in streaming, a molti è venuta in mente l’idea di accostarlo a un servizio in abbonamento come quello di Netflix per film e serie TV o come quello di Spotify per la musica, ma più ci si avvicinava al debutto e più Google ha dettagliato meglio il suo modello di business.

google stadia controller

La realtà

I giochi saranno venduti singolarmente, proprio come sulle altre piattaforme di gaming, con la differenza che su Stadia non c’è bisogno di inserire dischi o di scaricare software, ma solo di avviare lo streaming del videogame e per farlo in 4K bisognerà pagare un abbonamento da 10€ al mese a StadiaPro.

Inoltre, Google ha dichiarato che inizialmente Stadia sarà disponibile solo su Chromecast Ultra, PC (fissi o portatili) su cui è installato Chrome e smartphone della serie Pixel. Il supporto ad altri dispositivi, tra cui tutti gli altri smartphone e tablet Android e iOS, arriverà in un secondo momento (probabilmente nel 2020, ma il periodo è incerto).

Sono arrivati anche gli annunci dei primi giochi per Stadia, per lo più tutti di software house di terze parti, già visti o comunque in arrivo anche su altre piattaforme ad eccezione di Gylt, di Tequila Networks, unico gioco in esclusiva disponibile al lancio.
Attualmente il parco titoli ammonta a 12, ma entro la fine dell’anno ne verranno aggiunti 14.

Le nostre speranze

Speriamo che il parco titoli si allarghi, che vi siamo ulteriori incentivi per chi è un utente Pro e che si estendi il supporto su TUTTI i dispositivi come da promessa. Voi cosa pensate del servizio di cloud gaming di Google?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram